top of page
  • Immagine del redattoreGuido "Guidozilla" Gabrielli

Piece Peace (Bill Evans 1958)

Aggiornamento: 30 mar 2023

Un piccolo pezzo (immortale) di pace

«C’è un’arte visiva giapponese in cui l’artista è costretto a essere spontaneo. Deve dipingere su una pergamena allungata sottile con un pennello speciale e una vernice ad acqua nera in modo tale che un tratto innaturale o interrotto distruggerà la linea o sfonderà la pergamena. Cancellazioni o modifiche sono impossibili. Questi artisti devono praticare una disciplina particolare, quella di permettere all’idea di esprimersi nella comunicazione con le loro mani in un modo così diretto che la deliberazione non possa interferire». Sono parole scritte da Bill Evans, uno dei più grandi pianisti della storia del Jazz.


Il brano è costruito su due accordi che si alternano ostinati, su un valzer libero in ¾, quasi fosse una ninna nanna lontana. Un accordo in particolare (un Sol 9 sus4), da brano una quieta dissonanza. Questi due accordi sono la pergamena allungata cui fa riferimento. E il pennello sottile è la melodia pacifica, che si sviluppa in note discordanti nella seconda metà diventando a forma libera e ponendo l’accento alla sua qualità senza tempo e meditativa.


Registrata una volta sola, mai suonata in pubblico, Bill ha sempre rifiutato perché credeva che la composizione avrebbe perso il suo valore e significato in quanto era stata solo un’ispirazione al momento.

Un piccolo pezzetto di pace, ove cancellazioni o modifiche saranno impossibili.



99 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page